“Tutti contano su di me!” Il peso delle aspettative - CyclingON

Vai ai contenuti
Pubblicato il 10/02/2021
“Tutti contano su di me!” - il peso delle aspettative
scritto da Erika Giambarresi *

“Tutti contano su di me, non posso abbassare la guardia”...
Quante volte questa frase si ripete nella mente di un ciclista professionista? Infinite, ad ogni singola performance! Anche perché più sali di livello e più devi dimostrare di esserne all’altezza, non è così? Ecco che allora non può più esistere il 99%, ma solo il 100%...ah dimenticavo, per 12 mesi l’anno!
Nel ciclismo alla pressione agonistica si lega in modo preponderante la pressione degli sponsor, i quali richiedono, ovviamente, la massima visibilità; a tutto questo si aggiungono gli aumenti di budget, l’incremento degli ingaggi per i corridori di prima fascia, i ritiri sempre più lunghi ed una richiesta incessante di competitività. Risultato? Le Pressioni esterne, e di conseguenza interne, sempre più elevate che inevitabilmente impattano sui livelli di distress (o stress negativo) degli atleti, sulla loro capacità di gestione emotiva e sulla motivazione.
John Hain da Pixabay
Inoltre, avere la consapevolezza che dalle proprie prestazioni dipende la sorte e la sopravvivenza del proprio team alimenta aspettative molto più elevate e talvolta irrealistiche. L’unico focus dell’atleta diventa il soddisfarle, così da dimostrare agli altri e a se stessi di essere all’altezza del ruolo. Quanto si è disposti a sacrificare per mantenerle? Cosa accade quando non ci riusciamo?
In questa cornice, diventa emblematico il ritiro recentissimo di Tom Dumoulin, che a soli 30 anni, ha annunciato di volersi prendere una pausa dal ciclismo. Una decisione che fa molto rumore per la caratura dell’atleta: corridore con un palmares molto prestigioso e uno dei capitani della Jumbo-Visma.
Tom Dumoulin - Giro d'Italia 2017
“E’ come se uno zaino di cento chili mi fosse scivolato dalle spalle. Ho preso la decisione di prendere un po’ di tempo per me stesso. Lo pensavo da tempo, sentivo quanto fosse difficile per me ritrovarmi come Tom Dumoulin il ciclista, con la pressione che ne consegue e le aspettative che arrivano da più parti. Volevo fare molto bene per molte persone: volevo che la mia squadra fosse felice, che gli sponsor fossero felici… volevo che mia moglie e la mia famiglia fossero felici.  Quindi voglio fare bene per tutti, ma a causa di questo mi sono un po’ messo da parte nell’ultimo anno. Ma cosa voglio io? Voglio ancora essere un corridore, ma come? Cosa vuole l’uomo Tom Dumoulin?”.

Oltre una certa soglia di professionismo, quando l’impegno diventa totalizzante e la sovrapposizione sport/professione è completa, è molto facile non distinguere più l’identità di atleta (Tom Dumoulin, il ciclista) e l’identità personale (Tom Dumoulin, l’uomo). Io come persona non esisto più, tutto il mio mondo gira intorno al mio essere atleta; desideri, emozioni, stanchezza, stress vengono accantonati per accontentare e confermare, sempre e comunque al top, il proprio ruolo di ciclista, come richiesto.
Poi arriva un infortunio al ginocchio, un problema intestinale che pregiudica una gara, la pandemia, e improvvisamente riappare “l’uomo”, con tutte le sue fragilità, a renderlo unico…e umano! Lo spettro del fine carriera in questi casi è forse il minore dei mali, molto più frequente infatti è l’insorgere dei fenomeni di overtraining e burnout, o peggio ancora, il ricorso al doping.

Si può prevenire tutto ciò?
Un primo fondamentale step è lavorare sugli obiettivi.
Un buon lavoro di Goal Setting a inizio stagione è la road map che permetterà ai Team e ai singoli corridori non solo di arrivare al traguardo di fine anno, ma di affrontare tutte le difficoltà e gli imprevisti del viaggio con una bussola infallibile.
Gli obiettivi per i Team saranno certamente di risultato, ma per i corridori andranno aggiunti obiettivi di performance chiari, realistici, misurabili, sfidanti. E non solo: gli obiettivi dovrebbero essere declinati sui tre versanti, fisico, tecnico e mentale.
Tom Dumoulin - Imola 2020 - Jennifer Lorenzin
Credit photo Jennifer Lorenzini

Più la road map sarà dettagliata, più il corridore sarà facilitato nel seguirla. Suddividendo gli step in lungo, medio e breve termine, sarà possibile capire subito quando sti sta andando fuori rotta e per correggere le tabelle di allenamento o apportare modifiche significative.
Mantenendo il focus sulla scheda obiettivi stagionale sarà molto più facile per l’atleta restare concentrato su ciò che può controllare, senza farsi sopraffare dalle aspettative esterne.




Centro Studi e Formazione in Psicologia dello Sport

Il Centro Studi e Formazione in Psicologia dello Sport è un’associazione che studia, applica e diffonde i principi del Mental Training. Il Team è formato da Psicologi, Allenatori, Giornalisti e Formatori e lavoriamo insieme ad atleti di ogni livello, dall’alto agonismo fino ai settori giovanili, per aiutarli ad ottimizzare la propria performance e a trovare soluzioni efficaci alle criticità che incontrano in gare e allenamento. Collaboriamo con le società sportive per promuovere lo sport come strumento positivo di crescita per i più giovani e forniamo competenze di psicologia dello sport agli allenatori e ai tecnici sportivi che ne seguono il percorso sportivo.
La passione per lo sport e per le scienze ad esso connesse portano ogni giorno il Team a sperimentare nuove tecniche e nuovi ambiti applicativi: la mission è diffondere cultura di sport!
 
* Erika Giambarresi - Psicologa dello Sport, Team Centro Studi e Formazione in Psicologia dello Sport.


Le immagini e i testi possono essere riprodotti solo in parte citandone la fonte e l'autore oppure possono essere stampati solo per utilizzo personale e non a fini di lucro.
La citazione degli articoli e dei testi su altri siti è permessa purché non siano riprodotti totalmente e  sia presente un link che rimandi al testo originale.
Le immagini, tuttavia, possono essere linkate o scaricate per essere caricate su altri siti a patto che se ne rispetti l'integrità senza rimuovere il watermark www.cyclingon.com

Cycling ON è ideato e gestito da Tommaso Maggiolini
Privacy Policy
Torna ai contenuti